Itinerario ecoturistico Comunità Montana Calore Salernitano

Abitanti: 430 
Superficie: 37 Kmq 
Altitudine: fra 430 e 1788m s.l.m. 
Morfologia: montana 

DA NON PERDERE
Chiesa di S. Barbato 
Sentiero per la grotta dell'Angelo 
Centro storico 

Home
Paesaggio e natura\Landscape and natureStoria e arte\Art and HistoryCultura e vita locale\Culture and local life
Mappe
Comune
Centro abitato
Mappa intera
Recapiti utili
Alle falde del monte Ausinito, in un ameno paesaggio dal clima salubre, circondato da monti boscosi che fanno da corona al placido percorso del fiume Calore, sorge il piccolo centro di Valle dell’Angelo. Il paese, per secoli oscurato dai vicini centri di Piaggine e Laurino, gode ora di fama e visibilità autonome grazie alla sua principale attrattiva: la grotta dell'Angelo, dalla quale prende il nome attuale.
La grotta di S. Michele Arcangelo (o grotta dell'Angelo), in località Costa della Salvia, è raggiungibile grazie a un bel sentiero panoramico che sale sul monte Ausinito, attravesandone gli splendidi boschi. La grotta, da sempre meta di pellegrinaggi, custodisce una piccola statua dell’Arcangelo Michele (1800) in atteggiamento di difesa. Introdotto dai Longobardi intorno al X sec., il culto di S. Michele rinverdì i suoi fasti nel ‘700. A circa 200 metri dalla grotta è la pietra dell’Angelo, una roccia cava dove i pellegrini infilavano le mani o il braccio in un antico e simbolico gesto verso le viscere della terra, in segno di fertilità e auspicio di vita. Meno di 100 metri avanti è invece la pietra del riposo, dove la stanchezza dei pellegrini miracolosamente si placava. I boschi principali sono il Medicale [5], il Rotondo [4] e il Mercori [3], di piante ad alto fusto. Tutti e tre sono dotati di pianori naturali ideali per godere della frescura della montagna. In località Tinelle, nei pressi delle gole del Festolaro, sono i ruderi di un antico mulino appartenuto al duca di Laurino. Il luogo è raggiungibile grazie ad un sentiero assai suggestivo. Da segnalare anche località Pruno, dove, lontano dal mondo moderno, una piccola comunità vive in uno stato di volontario isolamento.